banner
logo
Impresa iscritta nel registro degli operatori di comunicazione (ROC) n°37718
banner

Hyperinascimento

La mostra di Luca Pozzi a Palazzo Santa Margherita Dal 10/09/2021 al 31/01/2022 Da mercoledì a venerdì ore 11–13, 16–19 Sabato, domenica e festivi ore 11-19

FMAV Fondazione Modena Arti Visive annuncia per l’autunno 2021 una grande stagione di mostre ed appuntamenti all’insegna della sperimentazione, della creatività e della ricerca. 
Si parte il 10 settembre con due importanti appuntamenti a Palazzo Santa Margherita. Il primo è Hyperinascimento, una mostra di Luca Pozzi a cura di Lorenzo Respi, con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, che si svolgerà fino al 31 gennaio 2022 a Modena.

Con questo titolo l’artista lancia l’idea di un nuovo umanesimo che fa incontrare storia dell’arte, gravità quantistica, cosmologia multi-messaggera e AI con una prospettiva interdisciplinare che affonda le radici nel Rinascimento per poi esplorare il mondo con gli occhi della scienza e delle tecnologie contemporanee. Nell’Hyperinascimmento ogni anello è concatenato all’altro in termini olistici, rendendo ancora più reale l’hyper-connettività del tutto con ognuna delle sue parti.
 
In mostra a Modena ci sarà un grande ambiente immersivo analogico accompagnato da uno virtuale in cui lo spettatore potrà immergersi, attraversando un percorso di ascensione spirituale che evoca la natura di un giardino Zen a cinque dimensioni in cui avvengono eventi fisici invisibili attraverso l’uso di campi magnetici e rilevatori di particelle subatomiche. Il tutto interagirà con diverse piattaforme social (Twitter, Instagram) per poi approdare agli spazi digitali dove le leggi della fisica vengono rivoluzionate per accedere ad universi paralleli surreali.

“In un momento in cui si cerca di ripartire”, spiega Luca Pozzi, “l’approccio Hyper al Rinascimento trasforma le opere del passato in veri e propri device tecnologici, le chiese, i templi e i musei in apparati scientifici all’avanguardia, la sostanza dei nostri corpi in quantum-bit di pura informazione. L’Hyperinascimento non pone al centro l’uomo, ma il linguaggio della natura più impalpabile e sofisticato: esperienze di poli-locazione, non-linearità temporale e aumento dimensionale”.

Nato nel 1983 a Milano, Luca Pozzi è artista visivo e mediatore interdisciplinare. Laureato presso l’Accademia di Brera e specializzato in grafica 3D e sistemi informatici, dal 2009 collabora con diverse comunità scientifiche tra cui la Loop Quantum Gravity (Perimeter Institute, Ontario, CA), il Compact Muon Solenoid (CMS, CERN, Ginevra) e il Fermi Large Area Telescope Laboratory (INFN, NASA) e ha esposto in Musei e gallerie in tutto il mondo.

Tags: